Crea sito

La Festa della Fratellanza di Passo Paradiso

La Festa della Fratellanza di Passo ParadisoA Passo Paradiso si tiene ogni anno in agosto la Festa della Fratellanza, tradizionale appuntamento di amicizia e fratellanza tra nazioni e popoli.

Nata grazie alla lungimiranza ed alla volontà di Emilio Serra e Kurt Steiner, è divenuta nel tempo un momento di straordinario valore simbolico, un pellegrinaggio di pace che richiama migliaia di persone nei luoghi che videro la sofferenza e la morte di tanti soldati, su entrambi i fronti.

Dal 2014, con l’anniversario di un conflitto che ha profondamente segnato anche la storia di questa parte dell’arco alpino, la Festa ha assunto un significato ancora più importante, rappresentando un’occasione per ricordare i feroci combattimenti e tutti i coloro che vi caddero, uniti al di là di ogni confine geografico ed ideologico.

La Festa della Fratellanza di Passo ParadisoLa guerra non è qualcosa di remoto e distante: in molti paesi si combatte e si muore anche oggi, in nome di un ideale o per un pezzo di terra. Noi, che abbiamo vissuto la prima Guerra Mondiale sulla soglia delle nostre case e che viviamo in un territorio che ne porta anche ora le cicatrici, abbiamo il dovere di ricordare, di far conoscere soprattutto alle nuove generazioni gli orrori che i nostri nonni ebbero ad affrontare, affinché non abbiano mai a ripetersi.

Un caloroso ringraziamento va dunque a tutti coloro che si sono prodigati affinché tutto ciò potesse ripetersi e a quanti vorranno venire per partecipare all’evento. L’augurio è quello di poter trascorrere una giornata di riflessione sul passato, ma anche di gioia: stare insieme, godere di questo momento di serenità, è il modo più bello chi qui ha sofferto. Il loro sacrificio ci deve essere ogni giorno monito, perché solo attraverso la fratellanza ci può essere una vera crescita per l’intera umanità.

Ambientata nello scenario del Passo del Tonale, la Festa è un’occasione per ricordare i feroci combattimenti e tutti i coloro che caddero in questa zona, uniti al di là di ogni confine geografico ed ideologico. Se sei interessato alla prima guerra mondiale e in particolare a storia, luoghi, itinerari sui monti del Tonale, puoi leggere “La prima guerra mondiale sui monti del Tonale. Storia, luoghi, itinerari” di Daniele Bertolini.

La Festa della Fratellanza di Passo Paradiso
ORGANIZZANO Achille Serra e Museo della Guerra Bianca di Vermiglio

Per informazioni:

tel 347.8652866

email: [email protected]

 

 

Programma 2018:

Domenica 26 agosto la telecabina di Passo Tonale sarà attiva a partire dalle ore 8 per portare i partecipanti in quota, dove alle 10.00 prenderà il via la sfilata accompagnata dal Corpo bandistico Ossana-Vermiglio fino al monumento alla Fratellanza. Alle 10.45 la Santa Messa celebrata dal Cappellano militare e del parroco di Vermiglio con la partecipazione del Coro “Santa Maria di Tassullo”, al termine della quale si terrà la salva d’onore della Compagnia Schützen Val di Sole e la deposizione corone al monumento della Fratellanza.

PROGRAMMA

a partire dalle ore 8.00 – Passo Tonale

Ritrovo presso la telecabina Passo Paradiso-Presena

ore 10.00 – Ghiacciaio Presena

Sfilata con il Corpo bandistico Ossana-Vermiglio fino al monumento alla Fratellanza, con la partecipazione delle Autorità, dei rappresentanti dei Gruppi Kaiserschützen, Kaiserjäger e Standschützen, delle Compagnie Schützen, della Croce Nera Austriaca, dei Gruppi Alpini, delle Associazioni ex Combattentistiche e delle associazioni di volontariato della Val di Sole e della Val Camonica

ore 10.45 – Passo Paradiso

Santa Messa celebrata dal Cappellano militare, padre Giorgio Valentini, e del parroco di Vermiglio, Enrico Pret, con la partecipazione del Coro “”Santa Maria di Tassullo”. Salva d’onore della Compagnia Schützen Val di Sole e deposizione corone al monumento della Fratellanza

Daiana Boller

Daiana Boller (Trento, 1981) vive a Vattaro, dove è collaboratrice nella ditta di famiglia, impegnata nel settore della commercializzazione internazionale di legname da lavoro e costruzione. Si è laureata in storia locale a Trento con una tesi sul principe vescovo Alessandro di Masovia (1423-1444) ed è laureanda in Storia della civiltà europea con una tesi monografica sullo stesso argomento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: