Crea sito

Lo scrittore Robert Musil in Trentino

Lo scrittore Robert Musil in Trentino
Robert Musil con le sue onorificenze, 1918 ca., © Robert Musil Literatur Museum, Klagenfurt

Nel maggio del 1915, lo scrittore austriaco Robert Musil arriva a Palù del Fersina come sottotenente dell’esercito austroungarico e qui rimarrà per alcuni mesi. Nel corso di questo periodo Musil rimane colpito da numerose particolarità della Valle dei Mocheni, come i paesaggi, le case, la lingua, gli abitanti, da cui prenderà spunto per comporre la novella “Grigia“. In Grigia si possono riconoscere molti luoghi e aspetti della Valle, che Musil trasfigura letterariamente per restituire al lettore il senso di un mondo “magico”, “separato”.

Nelle zone frequentate dallo scrittore, dove è stato ritratto e in altri che ne hanno ispirato le tematiche quali luoghi di trasfigurazione dell’anima, è stato allestito un itinerario letterario.

Musil si arruola volontario e trascorre dieci mesi, a partire dal maggio 1915, sul fronte trentino-tirolese. Le sue testimonianze diaristiche del periodo, che ritraggono il conflitto ora come inumana carneficina ora come «qualcosa di immane», simile a un’«esperienza religiosa», a un «altro stato» in grado di restituire nel diretto contatto con la morte un più immediato senso dell’esistenza, confluiranno nel dopoguerra sia nella scrittura narrativa sia nei saggi teorici. A quest’esperienza è stata dedicata anche una mostra a Castel Tirolo.

Abbandonato il fronte per motivi di salute, Musil è assegnato al comando d’armata di Bolzano, dove all’inizio di luglio 1916 entra nella redazione della «Tiroler Soldaten-Zeitung», da lui poi ribattezzata, con intento sovralocale, «Soldaten-Zeitung». All’epoca l’autore ha già una certa pratica editoriale, avendo lavorato, seppur solo per pochi mesi, come redattore presso la prestigiosa rivista berlinese «Die Neue Rundschau» del Fischer Verlag. Sotto la sua direzione la fisionomia della «Soldaten-Zeitung», già inusuale per una pubblicazione di guerra in quanto corredata da illustrazioni e da un inserto letterario, migliora ulteriormente, arricchendosi di interventi di contenuto politico. L’ultimo numero della «Soldaten-Zeitung» è del 15 aprile 1917. A condurre alla sospensione delle pubblicazioni sono alcuni spostamenti nei comandi e difficoltà di natura tecnica, anche se non è da escludersi una latente azione di censura.

La Guerra Parallela” è una raccolta di articoli pubblicati in forma anonima da Robert Musil tra il luglio 1916 e l’aprile 1917 sulla «Tiroler Soldaten-Zeitung», giornale di guerra stampato a Bolzano di cui fu anche capo redattore a partire dall’ottobre 1916. Oggi molti articoli sono compresi anche nella Klagenfurter Ausgabe, l’edizione digitale delle opere di Musil uscita nel 2009.

La Guerra Parallela” nella versione riedita da Silvy Edizioni è corredato da uno studio di Fontanari e Libardi al cui centro è l’esperienza bellica musiliana con le sue ricadute letterarie ‒ e ampliato con ulteriori articoli nel frattempo attribuiti dalla critica a Musil. Robert Musil, La guerra parallela, a cura di Fernando Orlandi, trad. dal tedesco di Claudio Groff, con un saggio di Alessandro Fontanari e Massimo Libardi, Silvy edizioni, 2011, pagg. 222

Per approfondire:

12042611020_1Il percorso letterario è dedicato allo scrittore austriaco Robert Musil che durante la prima Guerra mondiale trascorse un periodo a Palù del Fersina – Palai en Bersntol, luogo da cui trasse spunto per comporre la novella Grigia. L’escursione letteraria vuole accompagnare il visitatore nei luoghi e nei paesaggi della Valle che hanno influenzato Musil e proporre un’approfondimento della sua opera in particolare in rapporto alla Grande Guerra. Ogni punto è adeguatamente descritto in un volume dedicato al percorso.

Durante il periodo estivo vengono organizzate escursioni lungo l’itinerario letterario “Musil en Bersntol” con letture e commenti critici a cura dell’esperto Massimo Libardi, organizzate dal Bersntoler Kulturinstitut – Palù del Fersina / Palai en Bersntol. Nell’escursione letteraria vengono ripercorse le suggestioni di Robert Musil con un approfondimento letterario storico e antropologico, in compagnia di Massimo Libardi, con possibilità di scelta tra percorso breve (rientro ca. 12.30) o lungo (rientro ca. 16.30) e quota di partecipazione di 5,00 euro.

Informazioni:
Bersntoler Kulturinstitut
tel 0461 550073 / 334 3548078
[email protected]
www.bersntol.it – Scarica i punti gps del percorso.

Opere di Musil legate alla sua esperienza bellica:





Daiana Boller

Daiana Boller (Trento, 1981) vive a Vattaro, dove è collaboratrice nella ditta di famiglia, impegnata nel settore della commercializzazione internazionale di legname da lavoro e costruzione. Si è laureata in storia locale a Trento con una tesi sul principe vescovo Alessandro di Masovia (1423-1444) ed è laureanda in Storia della civiltà europea con una tesi monografica sullo stesso argomento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: