Crea sito

Il premio Gino Onestinghel

Il Liceo Classico “Giovanni Prati” e la Società di Studi Trentini di Scienze Storiche, in collaborazione e con il contributo della Cassa Rurale di Trento, bandiscono il
PREMIO DI STUDIO IN MEMORIA DEL PROF. GINO ONESTINGHEL

Il premio ha lo scopo di onorare la memoria del prof. Gino Onestinghel, già alunno e docente del Liceo Classico “Giovanni Prati” di Trento, studioso esemplare e saggista.

come_eravamo_studenti_del_liceo_prati_come_giovani_volontari_nella_grande_guerra_mediumLa somma di € 500,00 verrà conferita annualmente ad un giovane studioso che presenterà un lavoro inedito di carattere storico riguardante la Regione Trentino – Alto Adige.
I lavori, della dimensione di 40/80.000 battute spazi compresi, e accompagnati da un breve curriculum vitae et studiorum, dovranno essere presentati o inviati per posta in tre copie dattiloscritte, alla segreteria del Liceo Classico “Giovanni Prati” di Via SS. Trinità, 38 – 38122 Trento e in formato elettronico a [email protected] entro le ore 12.00 di sabato 29 novembre 2014.

La Commissione Giudicatrice sarà così composta:
 Dirigente Scolastico del Liceo Classico “Giovanni Prati” di Trento (presidente) o suo delegato
 Presidente dell’Accademia roveretana degli Agiati o suo delegato
 Presidente della Società di Studi Trentini di Scienze Storiche o suo delegato
 Presidente dell’Associazione culturale “Antonio Rosmini” in Trento o suo delegato
 Direttore dell’Archivio di Stato in Trento o suo delegato
 Direttore della Biblioteca comunale di Trento o suo delegato
 Direttore dell’Istituto Storico Italo-Germanico in Trento o suo delegato
 Direttore dell’Istituto di Scienze Religiose in Trento o suo delegato

La Commissione valuta i testi presentati, procede all’esame degli stessi, formula per ciascuno un giudizio scritto, delibera se almeno uno di essi è meritevole del premio e provvede, nel caso, alla sua assegnazione.
I testi delle tesi di laurea in quanto tali non possono essere presi in considerazione ai fini dell’assegnazione del premio, a meno che non siano stati elaborati e resi idonei ad un’eventuale pubblicazione.
L’operato ed il giudizio della Commissione sono insindacabili. Il premio non assegnato in un anno può esserlo in quello immediatamente successivo, oltre ad un secondo lavoro meritevole. In difetto, l’importo relativo è assorbito a capitale.
Il premio sarà consegnato entro il mese di marzo 2015.
I lavori premiati saranno presentati alla Società di Studi Trentini di Scienze Storiche per la loro eventuale pubblicazione sulla rivista o nelle collane della Società, senza alcun onere per la stessa, salvo le spese di stampa.
Il vincitore presenterà il contenuto del proprio studio alla cittadinanza nel corso di un incontro pubblico presso l’Aula Magna del Liceo “Giovanni Prati”.

Daiana Boller

Daiana Boller (Trento, 1981) vive a Vattaro, dove è collaboratrice nella ditta di famiglia, impegnata nel settore della commercializzazione internazionale di legname da lavoro e costruzione. Si è laureata in storia locale a Trento con una tesi sul principe vescovo Alessandro di Masovia (1423-1444) ed è laureanda in Storia della civiltà europea con una tesi monografica sullo stesso argomento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: