Crea sito

Bando nazionale per finanziare iniziative sul Centenario

Un fondo di quasi due milioni di euro per gli anni 2015 e 2016 per le iniziative culturali volte a promuovere la conoscenza degli eventi della prima guerra mondiale e a preservare la memoria in favore delle future generazioni. Le richieste di contributo, relative al bando emesso dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale, dovranno pervenire entro le ore 15.00 del 13 Febbraio 2015.In data 30 dicembre 2014 la Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale ha emesso l’Avviso pubblico per la selezione di iniziative culturali commemorative della Prima Guerra Mondiale.

Un fondo di quasi due milioni di euro per gli anni 2015 e 2016 per le iniziative culturali volte a promuovere la conoscenza degli eventi della prima guerra mondiale e a preservare la memoria in favore delle future generazioni.

Le richieste di contributo, relative al bando emesso dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale, dovranno pervenire entro le ore 15.00 del 13 Febbraio 2015.

È consigliata la trasmissione della domanda per mezzo Posta elettronica certificata.

Il Bando ha come obiettivo il finanziamento di iniziative culturali volte a promuovere la conoscenza degli eventi della prima guerra mondiale e a preservare la memoria in favore delle future generazioni, presentate da soggetti pubblici e/o privati no-profit. Si rivolge a:

Pubbliche Amministrazioni, statali e locali;
Altri enti pubblici;
Associazioni;
Fondazioni;
Istituti.

Le attività ammissibili sono le iniziative di promozione della conoscenza degli eventi della Prima Guerra Mondiale, con almeno una delle seguenti caratteristiche:
-Collaborazioni nell’ambito della Unione Europea e/o fuori UE;
-Coinvolgimento dei giovani attraverso il sistema scolastico;
-Progetti di ricerca originali con studiosi, ricercatori, scuole di dottorato o consorzi di scuole, a carattere nazionale o internazionale, con utilizzo di nuove tecnologie;
-Inserimento in circuiti didattici, culturali o turistici;
-Sperimentazione di modelli di integrazione fra istituzioni nazionali e internazionali e di sinergie fra istituti di ricerca e imprese.

I progetti selezionati riceveranno un contributo a fondo perduto (l’ammontare della percentuale di cofinanziamento da parte dell’Organizzazione richiedente non viene definita dal Bando)

Scarica la modulistica:  http://www.governo.it/AmministrazioneTrasparente/Sovvenzioni/CriteriModalita/index.html

Daiana Boller

Daiana Boller (Trento, 1981) vive a Vattaro, dove è collaboratrice nella ditta di famiglia, impegnata nel settore della commercializzazione internazionale di legname da lavoro e costruzione. Si è laureata in storia locale a Trento con una tesi sul principe vescovo Alessandro di Masovia (1423-1444) ed è laureanda in Storia della civiltà europea con una tesi monografica sullo stesso argomento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: