Crea sito

Il turismo termale a Levico Terme

Le fonti di acqua minerale hanno costituito e continuano a rappresentare un’importante risorsa naturale del territorio alpino. Oltre all’imbottigliamento e alla commercializzazione delle acque, numerose località hanno conosciuto una significativa e radicale trasformazione urbanistica, socio-economica e socio-culturale per effetto del costante incremento del flusso turistico attratto dall’efficacia delle cure idroponiche e dalla salubrità dei luoghi.Il turismo termale a Levico Terme

È quanto accaduto anche in Trentino, dove, ad esempio, l’abitato di Levico Terme si è mutato da borgo a vocazione fondamentalmente rurale a vero e proprio centro urbano sul modello di altre famose stazioni termali mitteleuropee quali Bad Gastein, Ischl, Franzensbad, Marienbad. La furia distruttiva delle due guerre, ma anche interventi dell’uomo, talvolta sconsiderati, hanno cancellato parte di questo passato.

La mostra “Forte pura salubre acqua” intende illustrare questo passaggio, soffermandosi soprattutto sul turismo nel periodo compreso fra gli anni settanta dell’Ottocento e lo scoppio della prima guerra mondiale.

Molte delle prime strutture di accoglienza, come, ad esempio l’hotel Regina o lo Stabilimento vecchio, o di quelle dedicate al tempo libero, come il cinema Varietà, oggi sopravvivono solo nella testimonianza di qualche sbiadita immagine o nelle indagini di chi ne ha ricostruito le vicende.

Questa pagina di storia ritorna qui a vivere e a essere patrimonio comune di cittadini e amministratori, turisti e residenti, studiosi e semplici curiosi.AK-Levico-Valsugana-Ortsansicht-mit-Feldern

La mostra “Forte pura salubre acqua: mostra sul turismo termale nell’arco alpino: Levico tra XIX e XX secolo” testimonia quindi i vari passaggi della trasformazione dell’abitato di Levico da borgo prevalentemente rurale a vera e propria stazione termale.

Per approfondire:

LEVICO TERME – VILLA PARADISO
Da martedì a venerdì ore 14.00-18.30; martedì e giovedì anche ore 10.00-13.00; sabato, domenica e festività ore 10.00-13.00 / 14.00-19.00
CHIUSO: il lunedì
Ingresso libero

Una realizzazione della Fondazione Museo storico del Trentino in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Levico Terme e i Servizi Attività culturali e Conservazione della Natura e Valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento

Daiana Boller

Daiana Boller (Trento, 1981) vive a Vattaro, dove è collaboratrice nella ditta di famiglia, impegnata nel settore della commercializzazione internazionale di legname da lavoro e costruzione. Si è laureata in storia locale a Trento con una tesi sul principe vescovo Alessandro di Masovia (1423-1444) ed è laureanda in Storia della civiltà europea con una tesi monografica sullo stesso argomento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: